L’«effetto CR7» sulla Juventus è stato travolgente

0
828

Sul quotidiano Il Giornale si parla di Ronaldo e dei suoi effetti sul conto economico della Juventus:

“Ad un anno dall’ingresso in squadra di Cristiano Ronaldo, l’«effetto CR7» sulla Juventus si può dire che sia stato travolgente – scrive Cinzia Meoni -.

«L’affare del secolo» ha portato alla società della famiglia Agnelli (la cui holding, Exor, controlla il 63,8% del capitale) un posto nel Ftse Mib, l’indice più prestigioso di Piazza Affari e 869 milioni di euro in più di capitalizzazione di Borsa, pari a un guadagno del 120 per cento.

Tra cartellino, commissioni e ingaggio il conto tuttavia per la Vecchia Signora era stato calcolato in 357 milioni.

Sul campo CR7 ha segnato 21 goal in 30 presenze di campionato concorrendo a portare alla squadra l’ennesima vittoria dello scudetto (l’ottavo di fila per il club), 6 goal nelle 9 presenze in Champions e uno nelle tre presenze tra Coppa Italia e Supercoppa.

Ma anche in Borsa i successi non si sono fatti attendere: il titolo ha raddoppiato il proprio valore, passando da 0,66 euro, il prezzo del 29 giugno dello scorso anno prima che iniziasse il tourbillon di rumor sul possibile arrivo in squadra di CR7, agli attuali 1,51 euro.

In termini di capitalizzazione la Vecchia Signora è passata da 660 milioni a 1,53 miliardi.

C’è chi dice che il club abbia fatto «un passo più lungo della gamba» considerando l’elevato indebitamento e ipotizzando una bolla speculativa bianconera dato che la «Vecchia Signora» quota in Borsa 18 volte circa il valore dei mezzi propri il (79,5 milioni a dicembre), rispetto ad esempio alle 5,9 volte del Manchester United.

I maggiori punti interrogativi riguardano tuttavia il debito che un anno fa si attestava a 309,8 milioni, era salito a fine dicembre a 384,3 milioni e, se condo indiscrezioni di mercato, potrebbe ormai aver superato i 500 milioni.

Anche per questo nello scorso febbraio il club ha deciso di ristrutturare le esposizioni con l’emissione del «Ronaldo Bond», un’obbligazione da 175 milioni che paga una cedola fissa al 3,375% in scadenza nel 2024 ed è quotata sull’EuroTlx di Dublino.

La Juve 2019-20 ha un obbligo: vincere la Champions per la gloria e per il conto economico”.