La Juve pensa ancora ad Icardi, ma Dybala non si tocca

0
227

Calciomercato.com riporta di accordi tra il dirigente bianconero Fabio Paratici e il nerazzurro Mauro Icardi, per il trasferimento dell’argentino a Torino entro l’estate.

Decisione che non mette in pericolo la permanenza di Paulo Dybala, vista la convinzione di Sarri di poter rilanciare il talento argentino:

Mauro Icardi e la Juventus flirtano da settimane, mesi, addirittura anni.

Con intensità e frequenza diversa, chiaro; ma in questa torrida estate sull’asse Marotta-Paratici c’è sicuramente al centro la posizione dell’ex capitano dell’Inter.

Perché negli ultimi contatti diretti con Wanda Nara e il suo entourage, il ds bianconero ha ribadito a Icardi con forza di volerlo prendere da qui ad agosto, con tempistiche verosimilmente lunghe e non immediate.

Paratici lo ha fatto spiegare a Maurito, i motivi sono due: in primis dovrà piazzare gli altri esuberi d’attacco (ovvero Higuain e Mandzukic), poi rinviando la scelta è convinto di costringere l’Inter ad abbassare il prezzo di Icardi.

Solo a quel punto si potrà eventualmente chiudere.

La sostanza degli ultimi contatti però è che Paratici ha promesso all’argentino di provare a prenderlo per davvero, con un assalto concreto quando sarà il momento giusto; mentre Icardi ha giurato priorità alla Juventus come prima scelta nonostante il presidente De Laurentiis stia provando in ogni modo a riavvicinarlo al Napoli.

Un patto di ferro che dovrà reggere a fronte di concorrenza, tempi lunghi e società con rapporti incrinati, fattibile sì ma ancora tutt’altro che scontato.

La decisione di andare dritti su Icardi solo più avanti e non subito ha coinvolto anche Paulo Dybala che la Juventus vuole trattenere: Maurizio Sarri è convinto di poterlo far esplodere in maniera definitiva, ne adora qualità e talento, non vede l’ora di allenarlo.

Ecco perché qualsiasi ipotesi di scambio con Icardi si è arenata, l’unica chance di accelerare per davvero già tra giugno e inizio luglio.

Ora i tempi si dilatano, Mauro aspetta ma per quanto? Paratici è stato chiaro, lavori in corso…”.