La Repubblica sulle ‘grandi nemiche’: “Riaccesa la storica rivalità tra Juve e Inter”

0
448

Il quotidiano la Repubblica riporta un articolo in cui prende in esame le varie trattative sul tavolo di Juventus e Inter, e mette l’accento sulla rivalità mai sopita tra i due club, e pronti a darsi battaglia in campo nel prossimo campionato:

“Si sono sempre odiate e continuano serenamente a farlo”.

“La storica rivalità tra Juve e Inter si è riaccesa, anche sul mercato, con la miccia Antonio Conte a provocare altre scintille“.

“Per i bianconeri è una motivazione nuova: impedire che l’ex tecnico juventinoAndrea Agnelli e John Elkann non hanno voluto riportarlo a casa – vinca sulla panchina dell’Inter, a costo di rendere ancora più solida l’alleanza con la Roma“.

“Si è visto con il caso Dzeko: i giallorossi erano costretti a fare un favore all’Inter cedendo il bosniaco a 13 milioni perché avevano bisogno di realizzare plusvalenze entro il 30 giugno; è intervenuta in soccorso la Juve, che ha comprato a 22 milioni Luca Pellegrini, nell’operazione Spinazzola, risolvendo il problema agli amici romanisti“.

“E permettendo adesso al nuovo ds Petrachi, che con Paratici ha ottimi rapporti, di pretendere 20 milioni dall’Inter per Dzeko“.

“Su Ramsey il primo duello, vinto in scioltezza dalla Juve“.

“Finirà allo stesso modo per un altro obiettivo comune, Federico Chiesa: Conte lo ha chiesto, Sarri lo avrà (qualora si trovi un accordo con Commisso)”.

“Su Godin invece è stato Marotta a spuntarla“.

“Indirettamente si scontrano, Inter e Juve, anche negli intrecci con il Manchester United“.

“Perché entrambe vogliono strappare un top player al club inglese, rispettivamente Lukaku e Pogba, proponendo la stessa formula del prestito biennale con diritto di riscatto“.

“Bene che vada, lo United accetterà di cederne uno“.

“Rinnovate motivazioni e sorprendenti rivalità: quella tra lo stesso Marotta e il suo ex pupillo Paratici — loro sì che si erano tanto amati, sembra passato un secolo — sta condizionando da mesi il mercato dei rispettivi club”.

“E l’arrivo di Conte non ha fatto altro che allungare le distanze“.

“Di sicuro il mercato sta facendo nuova chiarezza su alleanze e rivalità: che lo scambio Icardi-Dybala non riesca a decollare è un’altra prova delle difficoltà di dialogo tra le due grandi nemiche“.

“E certo il fatto che Maurito si sia promesso alla Juve, senza che i bianconeri siano disposti a pagarlo una cifra adeguata (una quarantina di milioni, altrimenti aspetteranno l’anno prossimo, quando la scadenza di contratto sarà ormai vicina), non contribuisce a rasserenare i rapporti, anzi”.