spot_img
spot_img
giovedì, Maggio 23, 2024

Sorpresa Oriali: Torna all’Inter ma non abbandona la Nazionale

spot_imgspot_img

Come ampiamente previsto, scrive Sport Mediaset, Gabriele Oriali torna all’Inter dopo 9 anni.

A sorpresa, però, il 66enne dirigente manterrà il ruolo di team manager della Nazionale fino a Euro 2020.

Stamattina, d’accordo con l’Inter, abbiamo definito la posizione di Oriali”.

Ci ha chiesto la possibilità di tornare a casa in una società emotivamente che sente ancora sua”, ha spiegato il presidente federale Gravina.

Gravina ha poi aggiunto: “Abbiamo rispettato quella che era la volontà di Mancini e di Oriali e abbiamo conservato la possibilità con Oriali di continuare sino all’Europeo 2020″, ha concluso il numero uno della Figc.

Lele Oriali ha vestito la casacca nerazzurra da giocatore per 13 anni (dal 1970 al 1983, due scudetti e altrettante Coppe Italia conquistati.

Da dirigente nell’epopea morattiana (dal 1999 al 2010), ha ricoperto diversi ruoli – responsabile dell’area tecnica, consulente di mercato, intermediario tra squadra e dirigenza poi, con l’arrivo di Mourinho, si è seduto in panchina come dirigente accompagnatore.

Ora per Oriali l’ennesima avventura nerazzurra come team manager, dove va a riformare con Antonio Conte la coppia che tanto bene ha fatto in Nazionale.

Nazionale alla quale Gabriele Oriali è ovviamente legatissimo.

Fu convocato per la prima volta in azzurro il 21 dicembre 1978 nell’amichevole contro la Spagna, guadagnandosi presto un posto da titolare.

Partecipò al campionato d’Europa 1980 nel quale l’Italia si classificò quarta dopo la finale con la Cecoslovacchia conclusasi ai rigori.

Il mediano nerazzurro prese poi parte al campionato del mondo 1982, dove fu uno dei titolari e protagonisti fino alla vittoria finale della nazionale italiana.

Il 25 agosto 2014 il presidente della FIGC Carlo Tavecchio nomina Oriali nuovo team manager della nazionale A, al posto di Gigi Riva, dimessosi nel corso del 2013.

Dopo aver affiancato Antonio Conte al campionato d’Europa 2016, viene confermato anche dalle gestioni tecniche di Gian Piero Ventura e Roberto Mancini; come accompagnatore segue inoltre l’Under-21 di Luigi Di Biagio.

- Advertisement -