Dagospia sulla Juve: “Ha debiti enormi. Agnelli alla ricerca investitori in Qatar”

0
539

Il sito Dagospia, in un articolo pubblicato oggi, ritorna su alcuni retroscena del passato di casa Juve, e riporta indiscrezioni sulla spaccatura tra il presidente Andrea Agnelli e John Elkann.

Sicuramente clamorosa l’indiscrezione riportata da Dagospia, sulla situazione finanziaria dei bianconeri.

Un estratto dell’articolo:

“L’arrivo di Maurizio Sarri in panchina non ha spento i malumori su quella che è la questione più dolorosa: i soldi.

La società ha debiti enormi, che potrebbero arrivare a 500 milioni di euro, soprattutto a causa dell’investimento su Cristiano Ronaldo, per il cui acquisto è stato necessario un bond da 175 milioni di euro.

Il portoghese, che è arrivato a Torino con una “corte dei miracoli” di 22 persone tutte spesate dai bianconeri, pesa sul bilancio della Juventus per 30 milioni di euro netti l’anno per altri tre anni.

E non fa mancare, dal suo arrivo, capricci e richieste. Solo oggi qualcuno si sbottona sulla nottata in cui CR7 e Nedved, dopo l’eliminazione dalla Champions per mano dell’Ajax, hanno litigato in hotel in modo furioso con Max Allegri e il suo modulo di gioco, decretandone l’esonero.

L’allenatore ha vissuto malissimo la cacciata dalla Continassa: sperava che il rapporto d’amicizia con Andrea Agnelli, coltivato in molte uscite con le rispettive compagne, Deniz Akalin e Ambra Angiolini, reggesse l’urto dei mal di pancia del campione portoghese. E invece no: se Ronaldo frigna, si smuovono le montagne.

Lo stesso Sarri è stato costretto a prendere un volo per la Costa Azzurra con l’obiettivo di rassicurare CR7 che aveva mostrato un certo scetticismo per l’arrivo del tecnico toscano.

L’attaccante temeva che il rapporto speciale che Sarri ha sempre avuto con Higuain potesse alimentare fastidiosi dualismi in squadra e nello spogliatoio.

E visto che il portoghese vuole, anzi pretende, di essere il centravanti titolare ha messo in chiaro con il tecnico i suoi ‘desiderata’: posto fisso in attacco con l’argentino spedito in panca o in tribuna.

Il Pipita, capita l’antifona, non intende fare sconti: ha già fatto sapere alla società che non accetterà revisioni al ribasso del suo contratto da 7,5 milioni di euro netti fino al 2021.

I soldi, dicevamo. E i debiti. Andrea Agnelli, ossessionato dalla vittoria della Champions League, trova l’ostruzione di John Elkann il quale non ha intenzione di mettere ancora mano alla cassa per inseguire i sogni di gloria del cugino.

Di qui l’idea, poi bocciata, di Andrea Agnelli di promuovere attraverso l’Eca il progetto di Super Champions: il format del torneo, che penalizza i piccoli club a vantaggio dei più ricchi, è vista come un’opportunità di moltiplicare gli introiti e puntellare il bilancio.

Ma vista la strenua opposizione di molti presidenti, Urbanetto Cairo in testa, il presidente della Juve ha dovuto virare sul piano B: trovare nuovi investitori per la società.

E dove cercarli se non in quel paradiso di sabbia e dollari che è il Qatar? Gli ‘addetti ai livori’ sostengono che ci sia già stato un abboccamento con gli sceicchi per discutere dell’ipotesi di ingresso nel capitale.

La Juventus resta alla finestra, sperando di acchiappare per il turbante i qatarini e convincerli a iniettare massicce dosi di denaro nelle casse bianconere”.