Kean, De Ligt e Mino Raiola: attesa per il loro futuro

0
189

Kean e De Ligt. Uno appartiene alla Juve, l’altro all’Ajax.

Entrambi i calciatori però appartengono alla scuderia di Mino Raiola. Il che non è banale.

E come scrive la Gazzetta dello Sport nell’edizione cartacea odierna “c’è attesa per l’incontro che riguarda Kean”.

Moise ha ancora un solo anno di contratto e la Juve, ufficialmente tranquilla sul tema, vuole allungare ma sa che l’operazione non sarà economicamente indolore”.

La squalifica di Mino Raiola, agente di Moise, ha complicato lo scenario ma presto dovrebbero esserci novità”.

“Per restare a Raiola, intanto, attenzione a Matthijs De Ligt. Il difensore dell’Ajax, da mesi obiettivo della Juve, da settimane destinato al Barcellona, da qualche giorno è più vicino al Manchester United”.

Il difensore olandese è prossimo a salutare l’Ajax al termine di una stagione straordinaria in termini di risultati, con le vittorie in campionato e Coppa e la semifinale in Champions League”.

“Il Barça ha temporeggiato e lo United ora è in pole position: i tifosi rossi ieri si sono esaltati per un like di Matthijs a un post su Instagram di Rio Ferdinand”.

La Gazzetta dello Sport ritiene “a spingere De Ligt in Inghilterra c’è molto più di un click. Demiral Il tecnico del Sassuolo, Roberto De Zerbi, ieri ha parlato in modo piuttosto deciso di Merih Demiral, difensore centrale accostato alla Juve”:

«I miei direttori hanno detto che resta e non ci sono possibilità che vada via. Saremo noi a decidere, non altre squadre», ha tuonato. I bianconeri sono pronti a pagarlo quindici milioni circa.

Secondo il Daily Mail, inoltre ci sarebbe anche il Manchester City sulle tracce di De Ligt: il club inglese sarebbe pronto ad insistere per arrivare al difensore, proponendo un’offerta superiore alle dirette concorrenti.

Voci, tutte queste, che allontanerebbero definitivamente De Ligt dalla Juve. Ma la sensazione è che i giochi non siano ancora definiti e che la Juventus sia ancora in corsa per il forte difensore olandese.

Fonte: La Gazzetta dello Sport