Ajax, Frenkie de Jong si ferma

0
317

Problema muscolare per Frenkie de Jong durante la gara tra Ajax ed Excelsior: si parla di stiramento.

Frenkie de Jong è stato costretto ad abbandonare il campo poco prima della mezz’ora. Il giovane regista è uscito toccandosi la coscia destra, un’immagine che non fa ben sperare in vista del ritorno di Champions allo Stadium.

Un medico dei Lancieri dice a Fox Sports che “non è nulla di grave“, comunque è uscito ed andato direttamente negli spogliatoi.

La partita è stata il solito show dell’Ajax dei ragazzini terribili. La squadra di Ten Hag, avversaria della Juventus nei quarti di Champions League, si è resa protagonista dell’ennesima goleada: stavolta il risultato finale alle spese il povero Excelsior è stato di 6-2.

Mattatori di giornata la ‘riservaHuntelaar, ex Real e Milan, autore di una tripletta, e il fenomenale Tadic che ha messo a referto una doppietta (la seconda firma su rigore) e un assist. Dell’ultimo entrato Dolberg il definitivo 6-2.

A fine gara l’allenatore dell’Ajax, Erik Ten Hagc, ha commentato l’infortunio subito da Frenkie de Jong :Non posso dire molto a riguardo. Ha avuto un problema al bicipite femorale ed è per questo che l’ho cambiato. Non volevamo correre altri rischi.

Era in forma, ma non l’ho visto muoversi bene e questo è peggiorato con il passare del tempo. Questo è il motivo per cui abbiamo deciso di non correre ulteriori rischi. Ora vedremo nelle prossime ore e nei prossimi giorni“, ha detto Ten Hag, che ovviamente spera di poter contare su de Jong per la decisiva sfida con la Juventus.

Insomma la scelta fatta da Erik Ten Hagc di non ricorrere minimamente al turnover, schierando la miglior formazione possibile, rischia di costare cara ai lancieri.

Comunque l’Ajax, al di la della grana F. de Jong,  ha dimostrato ancora una volta quanto sia pericolosa. I lancieri non sembrano soffrire la stanchezza e hanno portato a 106 il bottino stagionale di gol all’attivo: la Juventus per portare a casa la semifinale avrà bisogno di una grandissima prestazione e lo Juventus Stadium dovrà essere l’arma in più.

(Fonte: Tuttosport)