Zaniolo esulta al gol di Ronaldo. La madre: “Ho fatto il tifo per la Juventus”

0
216

Il gioiello della Roma, Nicolò Zaniolo, uno dei più giovani talenti tra i calciatori italiani del periodo, vanta pretendenti di prestigio, come la Juventus.

Sempre alta sarebbe l’attenzione della Vecchia Signora per Zaniolo, che sembra fare sul serio.

Nelle scorse settimane sono circolate diverse voci che hanno riferito di una bozza di offerta che i bianconeri avrebbero presentato per Zaniolo, in cui sarebbe stata riportata la cifra da capogiro di 60 milioni di euro.

La Roma potrebbe provare a trattenere il suo giovane talento, lavorando al rinnovo del suo contratto con un sostanzioso adeguamento, ma è chiaro che il richiamo della capolista non sarà indifferente al giocatore né alle casse dei giallorossi.

E anche della valutazione di Nicolò Zaniolo, e del suo futuro, ha parlato la madre Francesca, ai microfoni di Radio Rai:

“Nicolò deve fare quello che lo rende felice, a me interessa solo che stia bene. Ancora non ci sembra vero quello che sta vivendo, non stiamo realizzando quanto vale il suo cartellino. 60 milioni di euro sono tanti, ma per è lo stesso Nicolò di sempre. Il mio giocatore preferito in assoluto è Totti, tra quelli di adesso Cristiano Ronaldo”.

E ha proseguito:

“Abbiamo visto tutta la partita insieme, quando Ronaldo ha segnato ha esclamato ‘Mamma mia che gol! Ieri ho fatto il tifo per la Juventus, anche perché Ronaldo è il mio giocatore preferito. Io sono da sempre tifosa della Roma, ma se Nicolò cambiasse squadra e andasse ad esempio alla Juventus ovviamente farei il tifo per lui”.

Parole che indubbiamente alimenteranno ulteriormente le voci di mercato e che faranno piacere ai bianconeri, che seguono da vicino il talento della Roma, in vista del prossimo mercato estivo.

Intanto è proprio la madre di Zaniolo a comunicare sui social il furto della sua auto, dopo la partita di Champions League:

“Volevo ringraziare e augurare una buona Pasqua a chi questa notte sotto casa ha rubato la nostra auto”.

Auto che serviva anche per accompagnare Zaniolo nei suoi spostamenti, dal momento che il gioiello della Roma non ha ancora la patente.