Prova Tv per Mandzukic: ecco cosa rischia il croato

0
179

La sfida tra Juventus-Milan si è trascinata una scia di polemiche che stanno tardando a spegnersi, a causa delle presunte decisioni arbitrali a sfavore per i rossoneri.

Il Procuratore federale, Giuseppe Pecoraro, ha chiesto l’utilizzo della prova televisiva per sanzionare l’intervento dell’attaccante bianconero Mario Mandzukic ai danni del difensore rossonero Alessio Romagnoli, nel finale dell’anticipo di campionato giocato sabato all’Allianz Stadium.

Nonostante ieri il designatore della Serie A, Nicola Rizzoli, abbia spiegato che “evidentemente il Var (Calvarese) non l’ha ritenuta una condotta violenta e per questo non ha segnalato all’arbitro (Fabbri)”, è possibile che l’episodio sia sfuggito al Var.

Nel caso in cui l’episodio sia sfuggito al Var, e quindi non ve ne sia traccia nel referto degli ufficiali di gara, il giudice sportivo Gerardo Mastrandrea dovrà valutare la prova Tv. In giornata è atteso il verdetto. Nel caso in cui la condotta di Mandzukic dovesse essere confermata dalle immagini, il croato rischia fino a 4 giornate di squalifica per condotta violenta.

Intanto il presidente dell’Aia, Nicchi, si starebbe convincendo a dare l’autorizzazione agli arbitri di spiegare le proprie decisioni con un report scritto, anziché rilasciare interviste, dalla prossima stagione.