Napoli rischia il secondo posto, Zazzaroni: “Giocatori senza motivazioni? Basta con questa storia”

0
171

Il Napoli finora ha totalizzato 63 punti 11 in meno della scorsa stagione con Sarri panchina.

Lo scorso anno dopo 30 giornate era in piena corsa per lo scudetto a 4 lunghezze dalla Juve, invece quest’anno è costretta a guardarsi indietro, perché dopo la sconfitta con l’Empoli,  la tanto vituperata Inter insegue ad appena 7 punti di distanza, pertanto  è seriamente a rischio anche il secondo posto.

La squadra partenopea vista contro l’Empoli è stata messa sotto accusa, da tifosi e commentatori, sopratutto per l’atteggiamento tenuto in campo dai calciatori, per ora salvano solo Ancelotti.

Ivan Zanzaroni, intervenuto ai microfoni di Marte Sport Live sul momento che sta vivendo la squadra di Carlo Ancelotti,  è stato durissimo:

Ivan Zanzaroni: Sono incavolato col Napoli, ma non si può perdere così con l’EmpoliMancanza di motivazioni? Ok, d’accordo, ma è il loro lavoro.

E’ come se un giorno perdessi voglia di fare il giornalista. I giocatori sono strapagati, ‘sta roba delle motivazioni ha rotto!

C’è gente che guadagna 300 mila euro al mese. Le motivazioni le devi trovare nel fatto che sei un professionista. Mi sono anche stancato di parlare di questo argomento relativamente al calcio“.

Zazzaroni ha poi aggiunto: “Il Napoli non c’era con la testa? Koulibaly, Milik e Callejon non li ho capiti: boh, io Kalidou non l’ho mai visto… Se mancano loro, come fai a fare la partita? Milik inesistente, Koulibaly ha fatto robe mai viste prima.

Sono rimasto sconvolto dalla prestazione del Napoli contro l’Empoli. Era un Napoli che non correva“.

Antonio Corbo, editorialista de la Repubblica, non è stato meno duro nella sostanza.

Scrive il giornalista: “La partita di ieri è stata diversa da tutte le altre e faccio fatica ad andare in profondità perché quando arriva una sconfitta c’è sempre un problema: tattico, fisico, di velocità, di motivazioni e invece Empoli-Napoli è stata una partita misteriosa.

I giocatori sbagliavano passaggi semplici, erano confusi ed ho visto una squadra imballata per cui nella sconfitta di ieri le motivazioni c’entrano fino ad un certo punto.

Si può giocare anche senza motivazioni, ma ieri ho visto sbagliare passaggi elementari da calciatori come Koulibaly e non c’era intesa tra i giocatori.

Non escludo che il Napoli stia facendo una preparazione rivolta alla gara con l’Arsenal e che per un eccesso di carichi di lavoro abbia sofferto.

Ciò che mi ha sorpreso però, è stato il post partita perché Ancelotti ieri era molto arrabbiato e questo rende più debole la mia ipotesi.