Il Tribunale tedesco dà ragione a Der Spiegel sul caso Ronaldo

0
117

Dopo due anni arriva la svolta nel caso Football Leaks.

Il Tribunale amministrativo tedesco ha dato ragione al quotidiano Der Spiegel, nella battaglia legale contro Cristiano Ronaldo, José Mourinho e Mesut Özil.

Le accuse rivolte da Cristiano Ronaldo al giornale tedesco riguardavano fatti risalenti al periodo di CR7 al Real Madrid, periodo in cui Der Spiegel pubblicò una lunga inchiesta sull’evasione fiscale di CR7.

L’accusa per Der Spiegel era quella di divulgazione illecita dei reati di frode fiscale ma, come riportato dal quotidiano spagnolo Sport, il Tribunale amministrativo ha ora scagionato il quotidiano tedesco.

Il Tribunale ha stabilito che il quotidiano tedesco aveva pieno diritto di possedere quelle informazioni, che furono congelate dal Tribunale di Amburgo dopo la prima pubblicazione degli articoli nel 2016, e che ora potranno dunque tornare online.

Tutte le pagine relative al caso vennero oscurate, comprese quelle che riguardavano la notizia dell’evasione fiscale di Cristiano Ronaldo, che è comunque diventata di dominio pubblico lo scorso gennaio, visto il patteggiamento di Ronaldo con il fisco spagnolo.

Con il patteggiamento Ronaldo ha così chiuso un capitolo che ha creato qualche fastidio all’attaccante juventino, accusato di evasione nel triennio 2011-2014 in cui vestiva la maglia del Real Madrid.

Lo scorso gennaio Ronaldo ha chiuso la diatriba, confermando il patteggiamento che prevedeva una multa da 18,8 milioni di euro e la condanna a 23 mesi di detenzione. Detenzione che non è stata scontata, visto che in Spagna per un primo reato punibile fino a due anni di carcere, scatta la condizionale, ma che è stata però convertita in una multa da 400 mila euro.