spot_img
spot_img
lunedì, Aprile 15, 2024

Milan, il papà di Piatek spaventa i tifosi: “Il suo futuro? Prima la Champions, poi..”

spot_imgspot_img

Parla Wladislaw Piatek, il papà del numero 19 rossonero.

Lo fa a Sportweek, raccontando la storia dell’ex attaccante del Genoa ora in forza al Milan:

E’ un ragazzo regolare, più energico degli altri… ma un buon ragazzo” dice il padre di krzysztof.

Racconta, il padre di quando a 17 anni arrivò la chiamata del Lubin, Serie A polacca: “Era la prima volta che usciva di casa, si sarebbe potuto distrarre, fare tante cavolate. Viveva da solo e tutti gli dicevano che era forte: se non avesse avuto grande disciplina si sarebbe perso”.

E ancora racconta il signor Wladislaw: “a insegnarli la disciplina ho provveduto io. Gli ho sempre ripetuto: “Hai tanta energia ma cerca di avere rispetto per chi ti guarda”.

Poi, “facendo un passo alla volta ha acquisito forza e consapevolezza, arrivando in Italia al momento giusto. Il Cracovia, pur non essendo la squadra della capitale, è forse quella in cui più di ogni altra si rispecchia lo spirito nazionale polacco”.

Vestire quella maglia ti tempra, ti fortifica. Una volta, in allenamento, lo schierarono tutta la settimana con la squadra riserve. Lui non diceva niente. Alla domenica lo misero in campo a sorpresa: il Cracovia vinse 2-1 con una sua doppietta”.

Infine sul Milan: Oggi vuole portare il Milan in Champions; poi, alla scadenza del suo contratto quadriennale, nel 2023, si vedrà”.

Il signor Wladislaw conclude con una frase che certamente non lascia tranquilli i tifosi del Milan, soprattutto se i rossoneri non dovessero centrare l’obbiettivo della Champions League:

“Krzysztof vede il cambiamento come indispensabile per il suo processo di crescita. Ma se il Milan saprà stargli al passo, crescendo insieme a lui, diventa impossibile dire se e quando le loro strade si divideranno” conclude il papà di Krzysztof.

Ora il Milan è atteso dalla delicata sfida di Marassi che vede anche l’incrocio tra Quaglia-Piatek, sfida di gol tra i due bomber per un posto in Europa.

- Advertisement -