Real Madrid, Calderon svela: “Florentino Perez voleva Mourinho ma i giocatori hanno detto NO”

0
449

Il Real Madrid dopo l’esonero di Santiago Solari decise a sorpresa di puntare nuovamente su Zizou, che nei suoi tre anni sulla panchina dei blancos ha conquistato la bellezza di tre Champions League consecutive.

Florentino Perez scelse il figliol prodigo bruciando la concorrenza di José Mourinho che sarebbe tornato al Real a distanza da sei anni dal suo addio.

Una scelta, quella Zidane, che sorprese tifosi e addetti ai lavori che davano per scontato il ritorno di Josè Mourinho.

A svelare il retroscena sulla mancata scelta di Mourinho ci ha pensato l’ex presidente del Real Madrid Ramon Calderon: ​”La prima opzione era Mou perché è l’unico allenatore che il Presidente Florentino Perez  rispetta. Sono stati i giocatori ha bloccare l’operazione“.

Inoltre ha svelato che furono sempre il calciatori a opporsi all’arrivo di Antonio Conte: “Lo hanno fatto anche quando il Real voleva ingaggiare Antonio Conte, un allenatore col polso duro” ha detto Calderon.

L’ex Presidente del Real Madrid ha svelato i retroscena durante un’intervista ai microfoni della trasmissione tv Idolos.

La prima opzione per la panchina era Mourinho – ha dichiarato Calderon – perché è l’unico allenatore che il presidente rispetta. Florentino vede l’allenatore portoghese come uno scudo, come l’unico che dice ciò che nessuno osa dire, che incolpa gli arbitri, la stampa, chiunque sia, dice tutto ciò che di solito non si dice“.

Calderon ha poi continuato spiegando come siano stati alcuni giocatori a bloccare il ritorno dello Special One: “I giocatori hanno bloccato l’operazione e lo hanno fatto anche quando il Real voleva ingaggiare Antonio Conte, un allenatore col polso duro. Quando è stato proposto Conte, i giocatori hanno fatto notare al presidente che questo tipo di allenatori non ha il profilo necessario per prendere le redini della situazione“.

L’ex numero uno del Real, però, ha approvato la scelta del club di puntare ancora su Zidane: “La differenza tra i due tecnici è evidente… Zidane ha portato il Real ad uno dei migliori livelli di sempre, mentre Mourinho non era all’altezza del club, ma naturalmente aveva un presidente che lo proteggeva“.