Zidane alla Juve? Metterebbe in campo una squadra stellare al servizio di CR7

0
508

Zinedine Zidane alla Juventus a partire dalla stagione 2019-2020: è l’ipotesi che giunge dalla Spagna.

Dopo aver vinto tre Champions League consecutive, il tecnico francese ha deciso di lasciare a sorpresa il Real Madrid, che ad oggi non ha ancora trovato il suo sostituto.

Intanto, stando a Don Balón, infatti, l’ex allenatore dei Blancos dopo un anno sabbatico dovrebbe approdare proprio alla guida della Juventus.

I giornalisti spagnoli sono sicuri che se, come sembra, questa sarà l’ultima stagione di Massimiliano Allegri sulla panchina bianconera, Zidane è il successore designato.

Qualora Zinedine Zidane dovesse vincere la concorrenza con gli altri candidati alla panchina bianconera (Antonio Conte in primis) certamente la sua sarebbe una formazione stellare.

Il suo modulo potrebbe essere 4-3-1-2. Ecco le possibili scelte del francese:

Wojciech Szczesny tra i pali;
Bonucci, Chiellini e Marcelo a comporre la linea difensiva;
Pjanic, Emre Can e Ramsey in mezzo al campo;
Isco alle spalle di Lukaku e Cristiano Ronaldo.

Tornando al tecnico toscano, Allegri ha in realtà un contratto fino al giugno del 2020 con la Vecchia Signora, ma con ogni probabilità questo sarà il suo ultimo tentativo di vincere la Champions League a Torino.

Più volte, infatti, Allegri ha sottolineato di voler allenare ancora 5-6 anni al massimo, di cui due dovrebbero essere all’estero e altrettanti sulla panchina della nazionale.

Intanto, a pochi giorni dalla gara più importante, la Juventus risponde ai gossip e alle voci con un messaggio di compattezza.

Come riporta la Gazzetta dello Sport stamane, Allegri e Agnelli si sono visti a cena appena il presidente è rientrato da una breve vacanza all’estero, per tracciare la via: questo è il momento di muoversi tutti nella stessa direzione, perché i quarti sono ancora alla portata e la rimonta sull’Atletico non deve essere considerata un’utopia. Un patto per restare uniti in vista della Champions e per il futuro molto prossimo, tutto il resto poi si vedrà a fine stagione.

“È una cena – ha raccontato Allegri – che facciamo a marzo tutti gli anni, non per scaramanzia ma per parlare di lavoro. Con tutte le cose che sono state scritte in questi giorni, le mie dimissioni, i litigi e tutto il resto, mi sembrava di stare su “Scherzi a parte”.