Real Madrid nel baratro: fuori anche dalla Champions. Falliti tutti gli obbiettivi stagionali

0
162

Notte drammatica al Bernabeu.

Il Real Madrid crolla come un castello di carta sotto i colpi di un Ajax letteralmente scatenato che ha giocato un calcio – come definito dalla Gazzetta dello Sport di cui riportiamo la breve cronaca – bello da stropicciarsi gli occhi.

Scrive la Gazzetta:

La serata dei Blancos inizia male, sotto di due reti dopo nemmeno 20’, e finisce ancora peggio tra sfortune assortite (due legni e gli infortuni di Vinicius e Lucas Vazquez) e recriminazioni per il terzo gol olandese viziato dalla mancata concessione di un fallo laterale”.

La Gazzetta dello Sport rende tuttavia onore all’Ajax autore di una partita epica dal primo sino all’ultimo minuto: “al netto degli episodi, l’Ajax si guadagna l’impresa grazie a una prestazione superlativa e con un Tadic sontuoso, autore di un gol e due assist”.

Conclude infine il quotidiano sportivo: “Gli spagnoli invece sprofondano nel baratro, mandando all’aria ogni obiettivo nel giro di una settimana. Il 4-1 olandese firmato Ziyech-Neres-Tadic-Schone certifica il naufragio definitivo del Real Madrid”.

La Gazzetta certifica che il Real “colleziona il 4° k.o. consecutivo in casa e abdica dal trono europeo dopo più di mille giorni. Per dare un’idea della portata di quanto compiuto dall’Ajax, è solo la seconda volta su 35 occasioni che i Blancos vengono eliminati dopo aver vinto la sfida di andata in trasferta”.

Real colpito anche dalla sfortuna: questa infatti “si accanisce sui madrileni in modo chirurgico: alla mezzora Solari perde infatti sia Vinicius che Lucas Vazquez, le uniche note positive fino ad allora, entrambi vittima di noie muscolari. Il copione di una serata a tinte maledette prosegue poi con il secondo legno colto dal nuovo entrato Bale al 42″.

Infine conclude la Gazzetta con queste parole: “cala il sipario su un Bernabeu sconcertato, complice anche un grossolano errore di posizione di Courtois. Si chiude così la stagione (e probabilmente anche il ciclo) dei Blancos, che terminano in dieci per un brutto fallo di frustrazione di Nacho. L’Ajax invece festeggia meritatamente l’approdo ai quarti che mancava da ben 22 anni”.

Fonte: Gazzetta dello Sport