spot_img
spot_img
lunedì, Giugno 17, 2024

Sul caso Icardi interviene il presidente Zhang: domani l’incontro decisivo

spot_imgspot_img

I nervi sono sempre più tesi in casa Inter, soprattutto dopoche Mauro Icardi ha detto no.

Ovvero Maurito non rientra e non partirà per la trasferta in Germania di giovedì contro l’Eintracht Francoforte.

Nel pomeriggio di ieri infatti  il tecnico Luciano Spalletti ha chiesto al giocatore come si sentisse e la disponibilità a tornare in gruppo.

Icardi inaspettatamente  si è tirato fuori dal prossimo impegno sostenendo di lamentare ancora dolore e  procurando alla dirigenza più di qualche grattacapo.

Reduci da una sconfitta contro il Cagliari, e superati in classifica dal Milan, i nerazzurri stanno vivendo un periodo complicato, anche a causa dei fastidi provocati dal caso Icardi.

Da diverse settimane la dirigenza è impegnata in un fastidioso braccio di ferro con il giocatore argentino e la sua procuratrice, a causa del rinnovo del suo contratto.

Accordo che tarda a definirsi, con diversi episodi che hanno fatto sorgere il sospetto che tra l’ex capitano nerazzurro e la dirigenza si stesse creando una rottura insanabile.

E a tentare di trovare una soluzione alla vicenda che si sta trascinando con fastidiosi strascichi, è intervenuto direttamente il presidente Steven Zhang, chiedendo a Marotta e Antonello di risolvere la vicenda al più presto.

Dopo le indicazioni del presidente Zhang, si è stabilito un incontro, che dovrebbe aver luogo in giornata, tra Icardi, i dirigenti e lo staff medico.

L’obiettivo è quello di far tornare Mauro Icardi tra i convocati. Tramontata l’ipotesi l’Europa League, in quanto Icardi si è rifiutato, resta da capire a questo punto se i dirigenti puntino ad avere il centravanti disponibile per il derby o se si andrà alla rottura definitiva.

In ogni caso, l’indicazione data dal presidente è chiara: uscire al più presto da una spiacevole situazione, onde evitare che si protragga oltre.

All’incontro previsto per domani, salvo eventuali rinvii, parteciperanno Icardi, Spalletti, Marotta, Antonello e il responsabile dello staff medico, Piero Volpi.

La convinzione della dirigenza, avvalorata dal parere medico, è che il giocatore argentino sia fisicamente in condizione di giocare. Da stabilire solo se Icardi abbia intenzione di rientrare o meno dopo il grande no di qualche ora fa.

La società è pronta a ridargli piena fiducia, rimane solo da chiarire se Icardi abbia ancora l’entusiasmo e la voglia di continuare a far parte del club nerazzurro.

Icardi avrà l’occasione di esporre le sue ragioni e i motivi che l’hanno portato a cercare lo scontro, primo fra tutti la decisione da parte della dirigenza di togliergli la fascia da capitano.

La convinzione di Icardi è che l’Inter intendesse metterlo da parte, avendo già preso la decisione di venderlo a fine stagione, da qui probabilmente l’origine del suo comportamento.

A Icardi ora la scelta di rientrare e dimostrare a tutti il suo valore, o proseguire lo scontro aperto.

Vedremo come si concluderà il tanto atteso incontro voluto dal presidente, in ogni caso domani la vicenda si arricchirà di nuovi particolari.

- Advertisement -