Sconcerti: “Inter ha preso uno scudetto della Juve regalato da un loro tifoso”

0
1301

Mario Sconcerti è intervenuto sul rigore dato per un presunto fallo di mano di D’Ambrosio durante Fiorentina-Inter.

Lo ha fatto a RMC Sport, durante Maracanà.

Ecco le parole del giornalista sportivo.

“Io non avrei dato il rigore, ho avuto anche dubbi sul rigore dato all’Inter”.

“L’unico dubbio che ho avuto su D’Ambrosio è che ci sia stato un movimento del braccio incontro alla palla. Ma io questi tipi di falli di mano non li darei”.

“O si danno tutto o nessuno. La volontarietà è un’opinione. Non è rigore quello di D’Ambrosio, l’arbitro ha sbagliato”.

A chi chiede a Sconcerti se si tratta di complotto, il giornalista risponde così:

“Complotto? L’Inter è storicamente poco protetta, sin dal rigore di Ronaldo. Si discute di questo e non di cosa è successo agli altri”.

Ma poi Sconcerti lascia a bocca aperta tutti quanti quando dice:

E’ l’unica società che ha vinto uno scudetto a tavolino arrivando terza. Non si capisce qual è il male di vivere che avvolge l’Inter”.

Calciopoli? La Juve ha pagato e l’Inter ne ha tratto vantaggio. Sul campo l’Inter comunque ha fatto di tutto per vincere, poi è andata così”.

“All’andata un caso simile era andato a sfavore della Fiorentina. A Firenze ne hanno parlato, ma non si è parlato di complotto”.

“Gli interisti sono gli ultimi che possono parlare di complotti, visto lo scudetto assegnato a tavolino. E fu regalato da Rossi, tifoso interista”.

Serve aggiungere altro? Nei 10 anni di Moggi e Giraudo alla Juve, l’Inter ha preso 113 punti di distacco, arrivando due volte seconda. Però ne è stato fatto un continuo complotto”.

Parole, quelle pronunciate da Mario Sconcerti che lasceranno un segno nelle menti dei tifosi dell’Inter che si vedono contestare dall’opinione pubblica più autorevole, ancora oggi, dopo oltre dieci anni,il famoso scudetto vinto dalla Juventus, e cucito sulla maglia nerazzurra.

Ovviamente le parole di Mario Sconcerti hanno rimbalzato negli ambienti sportivi facendo il giro del web a pochi giorni dalla data in cui il Collegio di Garanzia, terzo grado della giustizia sportiva, esaminerà appunto l’11 marzo il ricorso della Juventus contro Federcalcio, Inter e Coni per l’impugnazione del lodo definitivo deciso dal TNAS, che si era dichiarato «incompetente» a decidere in merito alla revoca dell’assegnazione dello scudetto 2005-06, con relativo titolo consegnato all’ Inter, decretata dopo lo scoppio di calciopoli dal commissario Figc Rossi.