spot_img
spot_img
domenica, Febbraio 5, 2023

Inter: Rakitic gela Beppe Marotta

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

Quello di Ivan Rakitic è il nome che negli ultimi giorni ha acceso maggiormente le fantasie dei tifosi dell’Inter.

Non è un mistero che Marotta cerchi un profilo del genere per il futuro, che possa dare qualità ed esperienza internazionale al centrocampo interista.

Se il sogno dell’estate era stato Luka Modric, a lungo corteggiato dopo il mondiale, per poi doversi rassegnare al volere di Florentino Perez, adesso l’obiettivo è proprio Rakitic, anche lui croato.

Rakitic, classe 1988, è il faro del centrocampo del Barcellona, e insieme a Modric e Brozovic ha formato uno dei centrocampi più forti del mondiale russo.

Dalla Spagna però sono arrivati segnali non propriamente incoraggianti. Se per Diego Godin dall’Atletico sembra essere tutto fatto, Rakitic marca le distanze dai neroazzurri.

Il centrocampista croato si è espresso personalmente dopo la vittoria in campionato con il Siviglia dichiarando:

A volte rido alla mattina leggendo tutti i rumors sul mio conto” riferendosi proprio alla notizia di un suo passaggio imminente all’Inter per una cifra di 40 milioni di euro. E ancora:

“Io ho ancora tre anni di contratto e voglio restare qui. Mi riempie di orgoglio sapere che dei grandi club si interessino a me, ma mi vedo ancora al Barcellona”.
Oltre i dubbi di Rakitic, l’altra difficoltà per l’Inter è rappresentata dalle elevate richieste da parte del Barcellona, che sarebbe disposta a far partire il centrocampista croato soltanto a fronte di un offerta di almeno 60 milioni di euro per il cartellino.

La cifra è ritenuta invece elevata da parte della dirigenza interista, in particolar modo considerata l’età del giocatore, che compirà 31 anni proprio tra due settimane.

Una trattativa quindi tutt’altro che facile, con i tifosi neroazzurri che dopo l’illusione estiva Modric, sono comunque legittimati a sognare il colpo a centrocampo, che sarebbe il secondo della nuova era Marotta dopo quello di Diego Godin.

- Advertisement -