La Juve determinata: “Ora segniamo a Madrid”

0
113

Archiviata la vittoria per 3-0 contro il Frosinone, e incassati altri 3 preziosi punti che mettono sempre più al sicuro lo scudetto, i bianconeri rivolgono la loro totale concentrazione sull’attesissima sfida di Champions League, contro l’Atletico Madrid.

Appuntamento mercoledì sera al Wanda Metropolitano di Madrid, dove la Juventus tenterà l’impresa di eliminare dalla competizione l’Atletico, per puntare a tornare a Madrid il 1° giugno, data della finale di Champions League.

Impresa complicata ma alla portata dei bianconeri, che hanno ritrovato uno stato di forma ottimale, e anche un’eccezionale complicità tra giocatori, come tra Dybala e Ronaldo, di cui hanno dato prova nell’ultima partita.

Determinato Massimiliano Allegri: “E adesso facciamo gol a Madrid”, parole che servono a dare la carica ai suoi, e a infondergli la necessaria fiducia in quella che sarà una partita difficile ma, anche per questo, particolarmente stimolante.

“Sono contento per Paulo, gli mancava solo il gol: ne ha fatto uno bellissimo”, ha commentato Allegri.

Paulo Dybala era a digiuno di gol dallo scorso 3 novembre, un periodo di tempo troppo lungo per lui, che inevitabilmente ha causato qualche problema al giovane calciatore.

“Diciamo che ogni tanto la panchina fa bene: ci si rigenera anche mentalmente”, ha proseguito il tecnico bianconero, facendo riferimento alle ultime vicende che hanno coinvolto l’argentino e la dirigenza.

Ma la crisi sembra essersi dissolta, e ora ci si può concentrare sulla missione più importante per il club bianconero.

Difesa totalmente recuperata, con un Chiellini in gran forma, solido elemento capace di portarsi dietro la squadra.

E uno stato fisico eccellente anche quello di Bonucci, subito tornato al gol dopo il suo infortunio alla caviglia destra, gol realizzato pensando a una persona speciale:

“Dedico questo a Matilda che è appena arrivata nella nostra famiglia”, ha dichiarato il giocatore, e ha proseguito: “Cerco di dare sempre il massimo. Prometto un crescendo, per arrivare in fondo da parte di tutta la squadra”.

Tutti uniti verso un obiettivo comune e ambizioso: la conquista dell’ambita coppa dalle grandi orecchie.