Zaniolo? “È già della Juventus”

0
578

Nicolò Zaniolo dopo la doppietta siglata in Champions League è il calciatore italiano del momento.

Il talento della Roma è esploso nella notte europea contro il Porto, dopo una prima parte di stagione caratterizzata già da prestazioni molto buone con la maglia dei giallorossi.

Le prestazioni di Zaniolo, non possono che far si che i grandi club puntino gli occhi su di lui, e in particolare, in Italia, gli occhi della Juventus e di Fabio Paratici. Il dirigente juventino era infatti personalmente presente alla partita dell’Olimpico, e Zaniolo potrebbe essere l’uomo giusto per rinnovare il centrocampo bianconero.

In realtà un legame tra Zaniolo e la Juventus esiste già: la giovane promessa sarebbe infatti di fede juventina. Le simpatie di Zaniolo per la Juventus sono state scovate attraverso Facebook, il più famoso dei social network, dove Zaniolo prima di diventare professionista scriveva i suoi pensieri e mostrava la sua fede calcistica.

Colpiscono i post scritti tra il 2013 e il 2014, quando Zaniolo scriveva frasi come:

Altro che Mourinho ANTONIO CONTE”

“Salutate la capolista”

“La juve è per la 32esima volta campione d’Italia”.

Parole che non lasciano dubbi sull’orientamento del giovane calciatore giallorosso e che fanno già sognare i tifosi bianconeri, specialmente quelli attivi sui social.

Sempre sui social sono poi scattate la prese in giro, in particolare nei confronti dell’Inter e della sua dirigenza, rea di aver lasciato partire Zaniolo, scambiato con un Nainggolan che al contrario sta rendendo palesemente al di sotto delle aspettative.

Oltre le suggestioni provenienti da Facebook, il Corriere di Torino riporta di una Juventus che nonostante le dichiarazioni provenienti dall’ambiente Roma non ha nessuna intenzione di mollare Zaniolo.

Non sarà comunque facile portarlo a Torino: la Roma spinge per un rinnovo che possa blindarlo e allo stesso tempo alzare ulteriormente la valutazione.

La Juventus vigila la situazione, pur sapendo che 50 milioni potrebbero non bastare.