domenica, Novembre 27, 2022

Buffon, la leggenda in volo! La sua straordinaria parata salva il PSG

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

Gianluigi Buffon, l’ex amatissimo portiere della Juventus, continua a stupire anche fuori dall’Italia.

Al 60′, infatti, con il Psg in vantaggio per 1-0, l’ex portiere juventino ha spiccato il volo all’incrocio dei pali, e ha salvato i preziosi tre punti nella sfida contro Bordeaux.

La sfida di Ligue 1, la massima serie del calcio francese, si è conclusa con il risultato di 1-0 per il Psg, grazie a un calcio di rigore trasformato da Edinson Cavani.

A 41 anni Gigi Buffon continua ad essere una barriera umana che mette in difficoltà anche i marcatori più talentuosi.

Buffon ha incassato i complimenti anche degli increduli telecronisti francesi per la sua prodezza:

Gianluigi Buffon in una recente intervista a La Stampa ha parlato della sua esperienza al Paris Saint-Germain e, inevitabilmente, dell’amata ex Juventus.

“La mia avventura in Francia? È stata un’esperienza bellissima finora, riprogrammarmi con l’entusiasmo che ho messo mi ha dato molto e mi ha migliorato. Sono decollato dopo 40 anni di vita in una zona di comfort e mi sono rimesso in gioco, sia sul campo che nella vita. Forse le persone non mi credono o pensano che sia spazzatura, ma per me un nuovo linguaggio mi evolve e allarga la mia mente”.

“Perché il Psg? Immagino che mi volessero perché ho messo a disposizione le mie conoscenze, tutto quello che ho imparato in un club unico come la Juventus. Il rapporto con il mio ex club? Siamo come vecchi amici. Sono affezionato alla Juve, ci ameremo sempre. Anche la nostra separazione non ha causato polemiche. C’è grande rispetto e stima”.

“Il mio futuro? Sto ancora sognando a 41 anni. Quando sogni, è bello vederti in tante situazioni diverse. Ho bisogno di entusiasmo. L’anno scorso ho pensato di ritirarmi ma ha creato troppa negatività”.

E conclude:

“Ecco perché sogno di rimanere in campo fino a quando non avrò 80 anni, quando sono un vecchio in porta con un bastone da passeggio e il numero 1 sulla mia schiena. Allo stesso tempo, sono consapevole che tutto può finire domani. Non imposto limiti, ma so che il conto arriverà prima o poi”.

- Advertisement -