Dopo la strigliata di Allegri, Dybala chiede scusa

0
417

Giunge ad una conclusione il periodo critico tra la squadra bianconera e il suo numero 10 Paulo Dybala.

Segnali di insofferenza erano giunti dal giocatore argentino in occasione della partita contro il Parma in cui, una volta capito che non avrebbe avuto la possibilità di entrare in campo, aveva deciso di lasciare la panchina prima che la partita finisse.

Comportamento polemico che la Juventus non aveva per niente gradito, e per cui aveva deciso di chiedere chiarimenti al numero 10 juventino.

Niente multa per lui ma un deciso confronto tra la società e il giocatore, con il tentativo di trovare una via d’uscita a questo momento critico.

Massimiliano Allegri aveva cercato di minimizzare l’accaduto, ma nella giornata di ieri, come riportato da TuttoSport, prima dell’allenamento alla Continassa, è arrivato per la Joya un severo richiamo dal suo mister, davanti alla squadra bianconera e allo staff.

Dybala ha riconosciuto il proprio errore e si è scusato con l’allenatore e i suoi compagni di squadra.

L’atteggiamento di Dybala è stato ritenuto inadeguato da parte del club bianconero, ma è più che comprensibile, se si pensa al periodo di frustrazione che sta vivendo l’argentino, per la difficoltà di andare a segno in campo.

Si tenterà certamente di risolvere questo problema che Dybala inizia a sentire pesantemente, visto il suo digiuno da reti in campionato ormai dallo scorso novembre.

Allegri qualche giorno fa aveva commentato così il periodo critico vissuto da Dybala:

“Una sorta di processo a livello mentale per cui Paulo, leggendo e sentendo cosa si dice in giro, si convince che giocando in una posizione diversa non faccia più gol. Ma il punto non è quello, perché le occasioni per segnare se le crea sempre”.

Caso definitivamente chiuso quindi, con la ritrovata armonia di squadra, e la concentrazione fissata sull’obiettivo più importante per la squadra: vincere.