Juve: dall’infermeria arrivano segnali di ottimismo

0
250

Ecco un aggiornamento dell’infermeria bianconera.

I segnali che giungono sono molto buoni soprattutto in proiezione dell’importante ottavo di finale della Juventus contro l’Atletico Madrid.

Partiamo dalla difesa che è il reparto che preoccupa maggiormente l’allenatore bianconero Massimiliano Allegri visti i risultati delle ultime due gare:

Barzagli è fermo dal 3 dicembre per colpa di una lesione al quadricipite femorale della coscia destra. E’ il calciatore in questo momento fermo da più lungo tempo, ma il suo recupero procede spedito. I medici sono molto ottimisti e sperano di rivedere in campo il difensore bianconero già nell’ultima settimana di febbraio.

Bonucci, teoricamente è quello che preoccupa di più in vista della Champions contro l’Atletico. Trauma distorsivo alla caviglia, recita il bollettino medico. Anche qui i medici sono cautamente ottimisti ma si farà di tutto per metterlo ha disposizione di Allegri per l’andata degli ottavi di Champions League.

Per Chiellini, pare che l’allarme sia rientrato. Come riporta Tuttosport infatti, “in ottica Champions non ci dovrebbero essere problemi, visto che gli esami hanno evidenziato una situazione ottimistica: sta recuperando da un problema al polpaccio, ma il fatto che mercoledì scorso in Coppa Italia si sia fermato in tempo e abbia chiesto il cambio ha evitato complicazioni”.

Scrive ancora tuttosport che il Chiello, “Potrebbe già giocare contro il Frosinone proprio per testare le condizioni del polpaccio in funzione Atletico Madrid”.

Bernardeschi, in seguito alla botta al costato ieri è stato sottoposto ad esami strumentali che hanno escluso fratture. Dubbia la sua presenza per la gara con il Sassuolo.Ci sarà sicuramente in Champions League.

Per Douglas Costa si tratta di una botta al quadricipite con relativo ematoma. Anche qui Tuttosport conferma le notizie positive che circolano e scrive: “Sarà visitato dai medici della Juventus per valutare l’evoluzione dell’ematoma, ma da una prima diagnosi dovrebbe stare fuori una settimana-dieci giorni: Non dovrebbe essere a rischio per la Champions League” conclude il quotidiano sportivo.