De Laurentiis pensa al prossimo campionato: “La Juve forse sarà più quieta”

0
249

Il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, ha parlato in conferenza stampa durante la presentazione del prossimo ritiro degli azzurri.

Sembra proprio che De Laurentiis sia già mentalmente proiettato alla prossima stagione, considerando probabilmente questa attuale come persa, visto il distacco dalla capolista:

“Noi penseremo al prossimo campionato, ulteriormente vivace con l’Inter che si sta rinnovando come il Milan, e la Juve che forse sarà più quieta, quindi il campionato potrebbe diventare più omogeneo anche se non è ancora detta l’ultima parola e vediamo i prossimi 2-3 mesi, potrebbero accadere anche cose interessanti. Mi dispiace che i tifosi pensino solo allo scudetto, non ad essere forti e rappresentare la città”.

Ha comunque aggiunto:

“Continueremo a lottare fino in fondo. Mi dispiace per i tifosi, loro vogliono vincere solo lo scudetto. Vedere poco meno di 20 spettatori per Napoli-Sampdoria, non è stato bello. E questo significa essere tifosi? San Siro, per una partita meno importante di Champions, ha incassato 5,3 milioni di euro, quanto noi in tre partite”.

Ha poi polemicamente aggiunto:

“Per il terzo anno consecutivo chiuderemo il bilancio in rosso, mentre la Filmauro è in attivo, così la smetteranno di dire che coi soldi del Napoli finanzio il cinema”.

Un commento sul problema degli stadi:

“Il problema degli stadi lo devi andare a vedere nel processo inglese. Noi in Italia non abbiamo avuto mai un politico con la visione della Thatcher. Lei negli anni Ottanta fece una legge: non si può vedere la partita in piedi. C’è la prigione, un questore dello stadio. Per qualche anno gli impianti si sono svuotati per poi ripopolarsi con bambini e tifosi veri. Ma se noi negli anni Novanta abbiamo fatto gli stadi rubando… Già nel 1999 parlavo di stadio virtuale e non venivo capito. Io non posso essere tifoso e imprenditore, mi devo imporre di esserlo per gestire bene la società”.

“Non abbiamo mai fatto una politica per gli stadi. Difficile allontanare le frange di criminalità dagli spalti. A questo punto io mio figlio o mio nipote non lo porterei. Che il nostro Stato sia “costretto” a stare con la criminalità mafiosa lo dimostra la storia degli ultimi nostri settantanni. E siccome un certo tipo di tifoseria se in Inghilterra era più politica, da noi è più mafiosa”.

Un ultimo commento sulla vicenda Hamsik:

“Raiola tanti anni fa a Londra, insieme a Galliani voleva portare Marek al Milan, dissi di no. Poi mi chiamò Moratti e gli risposi di fermarsi. Allegri che già apprezzava tempo fa Marek, lo voleva pure alla Juve. Ora questo ragazzo mi ha chiesto in estate di andare in Cina. Da un lato a un giocatore così corretto non potevo dire sempre no. Gli chiesi se era convinto. Poi la mia richiesta fu ritenuta alta e non se ne fece nulla. Tra l’altro io ero con un nuovo allenatore e non potevo privarlo di Hamsik. Poi abbiamo visto che Ancelotti è uno che fa giocare tutti. L’allenatore è stato straordinariamente corretto. Per valutare tutti ha dovuto rischiare qualcosa. E lo ha fatto splendidamente”.

“Hamsik ha poi chiesto di partire in un momento in cui siamo ben coperti a centrocampo, per cui Ancelotti ha dato il suo benestare. Poi fra cinesi e napoletani… pagare moneta, vedere cammello. Ho detto a Marek che se va via, questa resta la sua casa. È uno che ha comprato casa a Castel Volturno, una bellissima storia. E poi non è che tutte le volte che gli ho detto di non partire lui poi ha giocato male. Un professionista esemplare”.