Coni, presentata da Giorgetti e Savini la riforma ‘Sport e Salute’

0
355

La Riforma dello Sport del Governo sta prendendo piede.

Stamane nell’Aula Magna dell’Acqua Acetosa è stata presentata appunto la nuova riforma del sistema sportivo italiano insita nella società “Sport e Salute” voluta dal Governo.

Presenti l’intero “stato maggiore” del Governo relativamente a questi temi, per spiegare la novità e dirimere le incomprensioni nate tra il Coni e lo stesso Governo.

Nello specifico hanno partecipato al tavolo tecnico i sottosegretari Giancarlo Giorgetti e Simone Valente, il Ministro della Salute Giulia Grillo e quello dell’Istruzione Marco Bussetti.

Presenti anche il presidente del Coni Giovanni Malagò e il Ministro dell’Interno Matteo Salvini.

Secondo quanto riferito da Sky, ecco nel dettaglio quanto detto dai diretti interessanti:

A parlare è il sottosegretario Giorgetti che premette che “siamo qui per svelenire un clima che è stato alimentato dai media e che secondo me non ha motivo di fondamento. Questa riforma non nasce contro nessuno e non nasce per nessuno” ha detto il sottosegretario con delega allo Sport.

“Non facciamo leggi ad personam ma solo per il bene dello sport italiano” dice Giorgetti .

“E’ giusto prosegue Giorgetti – che il Governo spieghi a tutti gli attori la volontà di rinnovamento e miglioramento. Abbiamo pensato di cambiare in meglio e questa è un’occasione per confrontarci”.

“Nei momenti di transizione – ha aggiunto – le cose funzionano se c’è collaborazione”.

Ora ci incamminiamo nella fase di applicazione, sono sempre i protagonisti a fare buone le riforme. Noi ce la mettiamo tutta. Dobbiamo fare le cose in fretta ma anche bene”, conclude così il suo intervento Giancarlo Giorgetti.

A margine dell’intervento di Giorgetti, ha parlato anche il Ministro Matteo Salvini.

“In un settore dove di solito si taglia, abbiamo fatto un investimento di civiltà, educazione e formazione di questo sono orgoglioso” ha detto il vicepremier.

Prosegue, Matteo Salvini:

“È vero che in queste settimane ci siamo scontrati, ma se questo Paese punterà di più sullo sport di base diventeremo un paese migliore”, ha concluso il Ministro dell’Interno.