Dalla Spagna ennesima amarezza per Ronaldo

0
244

Cristiano Ronaldo è un personaggio che attira inevitabilmente la curiosità di molti, per tutte le vicende che lo riguardano. O lo travolgono, come in questo caso.

L’ultima vicenda che l’ha visto protagonista riguarda l’accusa di frode fiscale da parte del Fisco spagnolo per i reati fiscali commessi dal 2011 al 2014, quando ancora vestiva la maglia del Real Madrid.

Vicenda poi chiusa da Cristiano Ronaldo, con un patteggiamento e un accordo chiuso tra le parti con il pagamento di una multa di quasi 19 milioni di euro, e una condanna a 23 mesi di carcere con condizionale, convertita in una multa da circa 400 mila euro.

La vicenda si sarebbe potuta chiudere qui, invece ha portato a Ronaldo ulteriori strascichi.

Secondo infatti quanto riportato dal quotidiano sportivo spagnolo AS, l’attaccante della Juventus sarebbe stato inserito all’interno del “Registro de Penados y Rebeldes” del Ministero della Giustizia spagnolo.

In pratica un elenco dei “condannati e ribelli” in cui il suo nome figurerà per almeno 3 anni.

Diverse le ripercussioni per chi risulta inserito in quest’elenco: dall’impossibilità a partecipare a concorsi televisivi, all’incompatibilità di nomina per cariche pubbliche e il rifiuto ad eventuali richieste di incentivi fiscali.

Da una prima occhiata, le conseguenze potrebbero non impensierire troppo CR7.

All’interno dello stesso elenco, altri nomi eccellenti, per esempio Messi, Mascherano, Marcelo Di Maria.