Gigi Riva, la leggenda: “Stupito da Cristiano Ronaldo”

0
328

Dopo un anno di silenzio, il Campione d’Italia con il Cagliari nella stagione ’69-’70, che gli valse il soprannome “Rombo di Tuono”, ha rilasciato una lunga intervista a La Gazzetta dello Sport.

Considerato una leggenda del calcio italiano, Gigi Riva ha avuto modo di parlare di sé, e di argomenti inerenti il mondo del calcio, di cui è un eccellente conoscitore.

Su di sé racconta:

“Il mio segreto? La famiglia.Con le mie nipotine Virginia, Ilaria, Sofia, figlie di Nicola, Gaia e Cecilia, di Mauro, i miei ragazzi mi rendono orgoglioso e felice. Il mio arrivo a Cagliari? Scoprii dalla prima pagina del vostro giornale che con un colpo di mano mi aveva preso Andrea Arrica e non il Bologna. Ero giovane, quando arrivai a Cagliari non capii dove ero finito. Poi è stato con i sardi e per i sardi che sono riuscito a dire la mia”.

Riva continua:

“In trasferta ci urlavano “pastori”, e per noi era una carica in più. Lo scudetto? Un’opera d’arte. E forse, se non mi fossi fatto male in Nazionale, ne avremmo potuto vincere altri due”.

L’ex calciatore ha parole di grande stima per Nicolò Barella, uno dei calciatori del Cagliari che in questo periodo è corteggiato da diversi grandi club:

“Barella è nato nella scuola calcio che porta il mio nome. Fin da bambino mostrava qualità e tecnica superiori alla media. Sì, aveva anche furbizia e voglia di emergere. Voleva sempre vincere e non tollerava che potesse perdere un contrasto o sbagliare un passaggio. Ricordo di averlo seguito, anche di nascosto, da bordo campo. Mi aveva colpito anche per come calciava. Adesso è pronto per volare. Tutti mi chiedono di lui. E sapete che cosa non capisco? Che debbano per forza paragonarlo a qualcuno. Nicolò è Nicolò e basta, senza nulla togliere a campioni quali Marco Tardelli o Radja Nainggolan. In quale club in futuro? Può giocare ovunque. In Inghilterra ne esalterebbero la corsa e la rapidità nel leggere e ribaltare le situazioni. Ma anche qui da noi può completare al meglio la maturazione. Poi le nuove sfide e i grandi campioni aiutano a crescere, qualsiasi maglia indossino. Inter o Napoli? Grandi club, ambienti con tradizioni e forti aspettative, guidati da tecnici preparati. Sta a lui decidere e farsi consigliare al meglio. Ovunque può diventare un calciatore importante. Ha di fronte una carriera di prestigio”.

Un parere anche sulla Nazionale:

“Oltre a Nicolò penso anche a Zaniolo, Chiesa, Tonali e gli altri chiamati di recente. Mancini sta lavorando con scrupolo. Sta aprendo un ciclo dopo la mancata qualificazione al Mondiale dell’anno scorso. Ma si deve avere pazienza. Per costruire una nazionale competitiva serve tempo. E, soprattutto, non facciamo accostamenti inutili”.

Riva continua con un commento su Juventus e Napoli, le grandi dell’attuale campionato di Serie A:

“I bianconeri hanno continuità, gioco, giocatori di valore internazionali che pensano soltanto a vincere, organizzazione. Con Cristiano Ronaldo hanno chiuso il cerchio. Il Napoli, invece, prendendo Ancelotti, un maestro di calcio, ha fatto la mossa giusta per ridurre le distanze. Ma la rimonta è dura”.

Un commento anche su alcuni dei calciatori italiani che si stanno mettendo più in mostra:

“Quagliarella e Immobile unici italiani che hanno segnato più di 10 reti? Non vedo novità, gli stranieri imperano, vengono ingaggiati e trovano quasi sempre le migliori condizioni per esprimersi al meglio. Ma la questione è un’altra. Nei nostri settori giovanili si insegnano tante cose. Ma non come si cerca il gol, il dribbling secco e il tiro, l’attaccare gli spazi senza palla. Formare una punta non è facile. Però si potrebbe ripartire dai più piccoli, con meno sponde e più tiri. Che poi Quagliarella segni ancora e sia il capocannoniere della Serie A è già una risposta: è sempre stato un professionista serio, di grandi qualità, si è allenato bene e continua a fare la differenza”.

E un immancabile commento anche sui due grandi del momento, Ronaldo e Piatek:

“Mi hanno sorpreso la leadership e il carisma di Cristiano Ronaldo. Sotto porta mi ha colpito il fiuto di Piatek alla prima stagione nel nostro campionato”.

E, in conclusione, un parere di Rombo di Tuono sul record di gol in Nazionale:

“Prima o poi ci sarà qualcuno che lo butterà giù”.