Il Milan ha preso Piatek a titolo definitivo

0
346

Con Morata all’Atletico Madrid, Higuain al Chelsea e Piatek al Milan, tutto torna.

Dopo tanto tribolare finalmente per il Milan una giornata positiva che può segnare l’inizio di una nuova era.

Morata ha liberato il posto per Higuain, così Leonardo ha potuto portare l’attacco difettivo per Piatek, trovando l’accordo col Genoa per il trasferimento a titolo definitivo del centravanti polacco al Milan.

Sarà pertanto Krzysztof Piatek a sostituire Higuain nelle file rossonere, destinato a al Chelsea del suo maestro Sarri, che prenderà il posto di Moratta, trasferito a sua volta alla corte di Simeone

Il centravanti polacco di 23 anni, in questa stagione ha già fatto 13 gol secondo solo a Ronaldo nella classifica cannonieri, arriverà a Milano a titolo definitivo per la cifra di 35 milioni di euro e non 40 come chiedeva il presidente del Genoa Preziosi, che ha quindi scontato 5 milioni ma non ha ceduto sulla formula del trasferimento a titolo definitivo.

Dal canto suo il giovane centravanti è felicissimo di firmare per Milan un contratto 5 anni a circa 2 milioni di euro all’anno, più bonus legati alle sue prestazioni personali e agli obiettivi di squadra.

Invece non sembrano essere molto felici i tifosi del grifone, per fortuna non tanto per la cessione di Piatek (non pare averli turbati più di tanto) quanto per la conferma da parte dell’Osservatorio di far disputare la partita col Milan lunedì alle ore 15.

La conferma dell’Osservatorio di mantenere l’incontro alle ore 15 rende la nostra decisione di non entrare allo stadio inevitabile – scrivono i tifosi in una nota ufficiale -. Non può essere scelto un orario del genere, in un giorno lavorativo, per far disputare una partita di calcio”.

“Noi siamo per un calcio diverso e lo dimostreremo andando tutti insieme domenica al Pio Signorini alle ore 14, per la rifinitura della squadra, colorandolo della nostra passione e con i nostri colori. Perché per noi la domenica è del pallone ed il lunedì alle 15 deve esserci spazio per altro nella vita” concludono i gruppi della Gradinata Nord, cuore del tifo genoano.