Buffon: “Con Ronaldo la Juventus è la più forte d’Europa”

0
202

In un’intervista al quotidiano spagnolo Marca, l’ex portiere della Juventus, Gigi Buffon, ha commentato le ambizioni europee della sua ex squadra.

Champions League sfiorata per tre volte da Buffon, e per tre volte persa.

È questo il rammarico dell’ex portiere bianconero Gigi Buffon.

E in una delle tre, era stata proprio una doppietta di Cristiano Ronaldo a non consentirgli di stringere l’ambito trofeo, principale obiettivo di tutti i più blasonati club.

Ma oggi quel traguardo, secondo Gigi Buffon, è ad un passo dalla Vecchia Signora, proprio grazie al recente acquisto del fortissimo attaccante portoghese, CR7:

“La Juve è una grande candidata per la Champions come il Real Madrid. È molto forte, lo è sempre stata negli ultimi 4-5 anni. Quest’anno lo è di più perché ha acquistato un giocatore incredibile”.

“Ronaldo è entrato nel meccanismo di una squadra molto solida alla quale, forse, mancava solo l’ultimo pezzo. La Juve, come squadra, è la più forte. Il suo valore è pari a quello del Real Madrid, del Barcellona, del City. Ma in Champions nessuno ha mai la garanzia di vittoria”.

A Buffon rimane l’amarezza di non aver potuto dividere il campo con il campione portoghese CR7:

“Non sono rimasto sorpreso dal suo arrivo alla Juventus, perché capisco il desiderio da parte di un campione di cambiare, di cercare nuove sfide. Dopo tanti anni nello stesso luogo hai bisogno di diverse motivazioni. Lui è arrivato alla Juve e io me ne sono andato. Certo, sarebbe stato bello giocare con un campione come lui”.

Buffon conclude con un accenno alle differenze tra i due club, il suo passato e quello attuale:

“Il PSG ha una storia che non può essere quella della Juve, del Real Madrid o di altre grandi squadre. Ma ha un presente e un futuro che lo vedrà sicuramente accanto a questi club, questa è la cosa più importante. Il PSG sta gettando le basi per un grande futuro. Al Psg sto vivendo un’esperienza assolutamente diversa da quella a cui ero abituato. Ho molto entusiasmo. Ho capito che esiste tutto un altro modo di approcciare lo sport, e questo è il PSG”.