Dybala a caccia di gol… Ronaldo permettendo!

0
102

Magro bottino quello di Paulo Dybala in questo campionato.

Due solamente infatti sono le reti che il numero 10 bianconero ha segnato finora.

Un po’ meglio in Champions League, in cui le reti messe a segno sono 5, di cui quattro contro gli svizzeri dello Young Boys.

Esaminando meglio presenze e reti, non si può non notare che il meglio di sé la Joya lo abbia dato da attaccante solitario.

Che è un ruolo che ormai ottiene solo se strettamente necessario, come ha dichiarato l’allenatore della Juventus, Massimiliano Allegri.

Il giocatore argentino infatti, rende complessivamente di più in squadra, se impiegato al centrocampo, dove è capace di disorientare l’avversario e permettere poi ad altri, vedi Ronaldo o Mandzukic, di andare in rete.

Dybala, in quattro anni con la maglia bianconera, non aveva mai avuto una stagione così magra dal punto di vista dei gol segnati.

Basti pensare che lo scorso anno, alla fine del girone di andata, erano stati ben 14 i gol segnati in campionato. Una differenza notevole rispetto a quest’anno.

Intanto si susseguono le indiscrezioni di mercato che vorrebbero Dybala al centro di un forte interessamento da parte del Bayern Monaco.

Ma anche in Italia Dybala avrebbe i suoi estimatori. L’Inter per esempio.

Sono sempre attuali infatti le voci che vorrebbero una possibile sfida tra Inter e Juventus tornino sul mercato avendo parecchi obiettivi in comune. Probabile che il nuovo a.d. nerazzurro bussi alle porte della sua vecchia società chiedendo giocatori di prestigio. Un nome su tutti, quello di Paulo Dybala. Il quale, per inciso, fu a lungo corteggiato da Ausilio nell’inverno e nella primavera del 2015. Ma Zamparini preferì darlo alla Juve che offriva di più.

Fu Marotta a volerlo alla Juventus quattro anni fa, e ora che Marotta è direttore sportivo proprio dell’Inter, numerose sono le voci che darebbero come altamente probabile il trasferimento del numero 10 juventino verso Milano.

Avremo modo di vedere come si evolveranno gli eventi e, soprattutto, se il giovane Dybala avrà modo di ritrovare la strada del gol.