Il campionato non si ferma e non saranno più accettate certe dichiarazioni di parte

0
371

Per un po’ si è anche pensato di fermare il campionato.

È invece arrivata la decisione di non fermarlo.

Questa decisione è stata accompagnata da parole forti in relaziona a certe dichiarazioni fatte prima che inizino le partite.

Il presidente della Figc Gabriele Gravina ai microfoni di Sky Sport sulla decisione di giocare: “Sabato si giocherà – ha detto Gravina ai microfoni di Sky Sport – il 29 il campionato non si ferma. Dobbiamo dare una risposta tangibile a chi pensa che attraverso alcuni comportamenti si possa alterare il nostro mondo. Questa è una risposta netta e forte“.

Ha quindi parlato del comportamento che tutti i dirigenti devono tenere: “Non accetteremo più certe dichiarazioni a tutela di interessi di parte, del proprio orticello: possono anche essere legittime, ma innescano reazioni strane“.

Aggiungendo: “Dobbiamo stare tutti con toni più bassi ci sono dichiarazioni inopportune: ho fatto le mie verifiche, l’arbitro ieri ha preso tutte le decisioni giuste. Non gli si può fare alcun tipo di rimprovero. Ma certe dichiarazioni dei giorni precedenti avevano provocato un certo clima“.

Evidente il riferimento al presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis per le dichiarazioni fatte in merito alla designazione dell’arbitro Mazzoleni per dirigere Inter-Napoli.

Il presidente della Federcalcio è anche intervenuto con una nota sui cori razzisti contro Koulibaly: «Tre richiami e niente stop. Stiamo verificando. Pare che il richiamo fosse stato fatto una sola una volta, oggi interverrà la procura e dirà la sua. Ma è molto brutto quello che è successo”.

Prosegue: “In campo ho visto gente troppo nervosa, l’arbitro scriverà quello che è, se ha commesso qualche errore anche lui sarà valutato. Non sono uno psicologo, ma che alcuni giocatori fossero supernervosi era di tutta evidenza a San Siro“.

“Adesso basta, quanto accaduto negli ultimi giorni non è piu’ tollerabile: Non tolleriamo che tali comportamenti rovinino il calcio”, ha aggiunto il presidente Gravina.

Il presidente della Federcalcio ha anche annunciato che presenterà una proposta per rendere più facile lo stop alle partite in caso di cori razzisti.