Antonio Conte non intende interrompere l’anno sabbatico e ancora una volta dice no

0
443

Nicolas Burdisso, direttore sportivo del Boca Juniors, ci contava.

Ma Antonio conte non intende desistere dal suo proposito.

Tiene fede a quanto dichiarato poco più di un mese fa, in occasione della cerimonia per consegna della Panchina d’Oro 2018 a Massimiliano Allegri.

In quell’occasione affermò: “Un allenatore come me non può prendere squadre in corsa, preferisco aspettare l’inizio della prossima stagione“.

E così è stato finora: prima il no al Real Madrid e ora il no a Burdisso che lo ha chiamato per ricostruire il Boca Junior.

La squadra Argentina sconfitta recentemente dal River Plate nella finale di Coppa Libertadores giocata al Berbnabeu.

Nicolas Burdisso, dopo una lunga carriera svoltasi interamente in Italia, è stato nominato recentemente direttore sportivo del Boca Juniors.

In questa veste, l’ex difensore, contava di ricostruire il Boca partendo da Carlos Tevez in campo e Antonio Conte in panchina, entrambi ex Juventini.

Ma Antonio Conte ha detto no. Stando a quanto scrive ‘Tuttosport’, l’ex tecnico di Juventus e Chelsea, ha rifiutato la proposta di allenare il Boca fatta direttamente da Burdisso, che contava di portare in Argentina uno dei tecnici più vincenti del panorama europeo.

Dopo il no al Real Madrid, quindi, l’ex ct della Nazionale, fermo dall’estate dopo l’esonero subito dal Chelsea, dice no ad un’altra squadra in corsa.

Bisogna però dire che la trattativa col Real Madrid era andata molto avanti, prima di naufragare per motivi economici, ma anche per una levata di scudi da parte dell spogliatoio dei ‘Blancos’.

In particolare da Sergio Ramos arrivarono messaggi non proprio di benvenuto all’indirizzo di  Antonio Conte (“Il rispetto si conquista, non si pretende”).

Questa volta sembra che la trattativa sia stata molto breve: con cortesia, ma senza incertezze, Conte non avrebbe preso in considerazione l’ipotesi di trasferirsi in Argentina, nonostante la possibilità di tornare ad allenare Carlos Tevez.

La ricostruzione del Boca, dopo la sconfitta in Libertadores contro il River, dovrà passare per altri nomi. E Conte continua ad aspettare.

Il ritorno in panchina dovrebbe avvenire nella prossima stagione.