Juventus contro la Roma con CR7, ma poi riposerà

0
169

Juventus, scelte obbligate in vista del match con la Roma.

Massimiliano Allegri deve ancora far fronte ad un infermeria affollata.

Le assenze pesanti di Barzagli, Cuadrado e Cancelo lasciano poche alternative sulle fasce laterali.

Chiellini inoltre seppur in grandissima forma ha giocato tre partite in 8 giorni: sembrano obbiettivamente troppe.Il difensore dovrà saltarne almeno una di partita.

Il centrocampo è ancora in emergenza, e quindi tocca a Pjanic fare gli straordinari (5° juventino più presente in campionato), ma contro la Roma tutti quanti vogliono giocare.

Allegri dovrà calibrare sapientemente carichi di lavoro ed energie in vista delle ultime tre gare del 2018 a partire da sabato, per non perdere terreno sul Napoli.

Ieri intanto, amichevole come di consueto in famiglia contro l’Under 23 per permettere a chi ha giocato meno di riprendere il ritmo partita, a segno con una doppietta Bernardeschi e poi le reti di Kean e del baby Kastanos.

Contro i giallorossi questa la probabile formazione (4-3-3) Szczesny in porta, con De Sciglio, Bonucci, Chiellini (o Benatia) e Alex Sandro in difesa. A centrrocampo rientra Bentancur che farà copia con Pjanic e Matuidi. In attaco il trio Ronaldo-Dybala-Mandzukic.

Alla luce della sopracitata formazione che verosimilmente scenderà in campo contro la Roma, e dopo che Allegri ha annunciato che Ronaldo salterà una partita tra Roma, Atalanta e Samp, tutti gli indizi portano a immaginare che CR7 (l’unico che ha saltato solo 10 minuti) salterà la partita di Bergamo contro l’Atalanta.

Intanto la Juve va a caccia di record: manca infatti un punto per diventare campione d’Inverno.

Inoltre all’orizzonte c’è un altro record che Max Allegri vuole frantumare per restare per sempre nei cuori dei tifosi bianconeri e scalzare così Antonio Conte dalla loro mente: questa Juventus può veramente chiudere il campionato a 108 punti.

A proposito di record: ieri la Juventus, grazie a CR7 ha raddoppiato i numero di follower su instagram raggiungendo quota 20 milioni.

Fonte: il Messaggero