Ausilio: “Icardi mai alla Juve”. Perchè smentire?

0
99

Inter: tiene banco la questione Icardi.
Stamane ha parlato Piero Ausilio a margine della premiazione come “Miglior Manager Sportivo dell’anno 2018” ricevuto da Beppe Marotta.

Il direttore sportivo dell’Inter ha risposto ai giornalisti soprattutto in merito alle domande sulla trattativa per il rinnovo di Mauro Icardi:

“Il rinnovo di Icardi? Da parte nostra c’è coerenza con quanto detto in questi mesi. Siamo contenti di Icardi calciatore, di quel che sta dando sul campo all’Inter”, ha detto il manager dell’Inter.

Il Ds continua: “si prende sempre le sue responsabilità, non ha paura di niente. Il resto non conta”.

Poi, Ausilio stuzzica indirettamente Wanda Nara: “c’è una sede ufficiale, sono a disposizione di tutti. L‘agente di Icardi sa dove può trovarmi, in sede o al telefono”.

E ancora Ausilio rincara la dose, “Il resto, i social, i media, il cinepanettone, non mi interessa. Sono stato molto onesto: ho detto come stanno le cose”.

Parole che non piaceranno tanto a Wanda Nara.

Ausilio puntualizza: “la proposta dell’Inter l’ha avuta due anni fa e l’ha firmata. L’ultima proposta, di due mesi fa, l’ha avuta e non al momento non è stata accettata. Non vuol dire che non si possa andare avanti: da parte nostra c’è voglia di continuare la trattativa con la voglia di proseguire”.

Parole queste ultime che mandano letteralmente in tilt i tifosi nerazzurri e che comunque denotano non certo ottimismo sul buon esito della trattativa.

Ausilio conclude dicendo: “Io e l’Inter discutiamo solo in ufficio, nelle sedi nostre, non nei social o nelle trasmissioni tv. Siamo a disposizione completa, io e Marotta. Se ci fosse stato Marotta avremmo risposto in due”.
La sensazione è che il rinnovo di Maurito Icardi sia tutt’altro che scontato e che nelle parole di Wanda Nara, rilasciate alla trasmissione TikiTaka si possa leggere una nuova apertura di Icardi verso un futuro in bianconero.

In merito al riconoscimento ottenuto dai dirigenti dell’Inter il manager nerazzurro si è espresso cosi:
“E’ un riconoscimento che fa piacere, arriva da professionisti. Se si parla di Fair Play, penso di essere diventato un esperto… È un premio al mio gruppo di lavoro, lo voglio condividere con loro”.

Fonte: Calciomercato.com