Rigore negato al Genova: per Preziosi Genoa penalizzato per problemi di ordine pubblico

0
64

La partita è Roma-Genoa. La Roma vince 3-2.

Siamo in pieno recupero, in piena area Goran Pandev viene spinto, dalle immagini il rigore è netto, ma la VAR non viene chiamata.

Enrico Preziosi intervistato da ‘La Gazzetta dello Sport‘ è stato esplicito.

Per il presidente del Genoa il rigore non è stato dato in malafede. Il motivo? L’ordine pubblico: “E’ stata malafede, a Roma c’era il problema dell’ordine pubblico…“.

“…Doveva vincere la Roma, non c’è niente da fare. Questa è la sola verità, non è possibile andare avanti in questo modo.”

BISOGNA CAMBIARE TUTTO
Continua: “Bisogna cambiare tutto, il sistema, ma anche le persone. C’è stata solo malafede, un arbitro non si può rifiutare di controllare se c’è stata un’azione dolosa”.

D’altronde le immagini sono chiare. Preziosi prosegue: “Pandev è stato spinto con due mani dall’avversario alle sue spalle, al momento di colpire il pallone. Questa è una vergogna, una vergogna vera…“.

Quindi Preziosi ricorda: “Con l’arbitro Di Bello la Roma ha vinto dieci volte su dieci, noi invece ne abbiamo perse nove su dieci. Adesso basta”.

Continua: “È arrivato il Genoa all’Olimpico e la Roma ha risolto i suoi problemi. Com’è stato possibile che l’arbitro non abbia visto un rigore così solare a nostro favore? Lui era lì”.

“VAR ARMA IMPROPRIA”
Infine il Presidente parla della VAR: “A questo punto considero la VAR una vera e propria arma impropria. Decidano quello che vogliono, ma non è più possibile tacere. Questo è davvero un sistema sbagliato, così non si può andare avanti. Noi abbiamo bisogno di punti, ma se non ci permettono di farli…“.

Cesare Prandelli, alla prima partita nella panchina del Genoa, ha commentato amaramente: “Il rigore era chiaro. Peccato, ci sentiamo defraudati. Noi abbiamo fatto parecchi errori tecnici, ma ci sono stati errori anche tecnici arbitrali”.

E sulla VAR dice: “Non capisco perché questa azione non sia stata poi guardata bene. C’è stato un fallo di mani ma anche con i piedi. Il VAR ? In passato ho detto che è uno strumento democratico, ma questa sera c’è stato un errore tecnico clamoroso“.

Goran Pandev ai microfoni di Sky è stato saggio: “Su di me era rigore netto ma come sbagliamo noi calciatori così sbagliano pure gli arbitri“.