Milan: Sanzione UEFA per 12 milioni di euro. Higuain a rischio conferma

0
219

Questa mattina sono state definite le sanzioni a carico del Milan, condannato per non avere rispettato le misure del fair play finanziario negli anni 2014-2017.

Pesanti e chiarissime le richieste da parte della UEFA.

Al club rossonero si chiede il pareggio di bilancio entro il 2021, o sarà escluso per 1 anno dalle coppe.

La sanzione inflitta sarebbe potuta essere ben più pesante, ma rimane comunque una disposizione che obbliga ad opportune azioni per poter ottenere il risultato richiesto nel tempo previsto.

In aggiunta, una sanzione da 12 milioni di euro, trattenuti dai premi dell’Europa League, e liste UEFA limitate nelle prossime due stagioni.

Il comunicato della UEFA riporta:

“La camera arbitrale dell’Organo UEFA di Controllo Finanziario dei Club (CFCB) ha preso la decisione sul caso AC Milan dopo la sentenza del Tribunale Arbitrale dello Sport (TAS 2018/A/5808, AC Milan contro UEFA). Il TAS aveva deferito la questione alla CFCB affinché imponesse una misura disciplinare adeguata per la violazione delle regole sulle licenze per club e sul fair play finanziario UEFA, con particolare riferimento al pareggio di bilancio”.

“Di conseguenza, se il club non dovesse rispettare il pareggio di bilancio al 30 giugno 2021, sarà escluso dalla partecipazione alla successiva competizione UEFA alla quale dovesse qualificarsi nel corso delle due stagioni successive, 2022/23 e 2023/24. Al club verranno anche trattenuti 12 milioni di euro di profitti della UEFA Europa League 2018/19. Inoltre, non potrà registrare più di 21 giocatori per le competizioni UEFA 2019/20 e 2020/21”.

“Contro questa sentenza, la società può presentare ricorso al Tribunale Arbitrale dello Sport, come previsto dall’articolo 34(2) delle Norme procedurali dell’Organo UEFA di Controllo Finanziario dei Club e dagli articoli 62 e 63 degli Statuti UEFA”.

La sanzione alla società rossonera arriva a seguito di un accertamento promosso dalla UEFA nel mese di aprile 2017.
Oggi la conclusione della vicenda, che obbliga il club rossonero al rispetto delle pesanti sanzioni inflitte.

La Juventus osserva gli sviluppi.

Che fine faranno le operazioni di Caldara e Higuain? Il talentuoso difensore non si è praticamente mai visto in campo in questa stagione.

La conferma di Higuain, invece, è sempre più in bilico: il prestito oneroso da 18 milioni di euro è ormai nelle casse bianconere, ma, dopo un avvio di stagione da incubo per l’argentino e  dopo queste nuove sanzioni, il riscatto fissato a 36 milioni è tutt’altro che scontato.

Fortissime le probabilità che l’argentino torni alla casa madre.