Vialli : “la Juventus un onore e un onere”

0
235

Lunga intervista concessa dall’ex bianconero Gianluca Vialli al Corriere della Sera.

Tra le tante domande fatte dal cronista all’ex calciatore viene chiesto cosa significa giocare nella Juventus:

“Un onore, e un onere. Senti il peso della maglia, il dovere di riconsegnarla piegandola per bene e riponendola un po’ più in alto di dove l’avevi presa” dice Vialli.

L’ex Juve prosegue: “poi Torino, che aveva fama di città fredda e grigia, in realtà è meravigliosa”

Com’era Moggi? gli viene chiesto.

“Un dirigente che ti metteva nelle condizioni di dare il massimo; e i calciatori pesano i dirigenti da questo. Non dal mercato o dalla politica”.

A proposito di calciopoli Vialli ha le idee chiare:“Quella Juve avrebbe potuto vincere 6 o 7 scudetti su 10, rispettando le regole. Ma poi la gola ha fatto sì che tentasse di vincerli tutti, non rispettando le regole” chiude l’ex bomber blucerchiato.

Sulla Champions stregata per la Juventus infine Vialli commenta cosi: “No. È la pressione. Non è facile trovare l’equilibrio tra tensione e serenità, nella consapevolezza che puoi anche perdere. Se poi hai contro Messi e Cristiano Ronaldo…