Gianluca Vialli: “Sto bene, ma non so come finirà”

0
442

L’ex azzurro racconta la sua battaglia per affrontare l’insidiosa malattia che lo ha colpito

Un doloroso periodo che però ha affrontato con coraggio e determinazione, come quando scendeva in campo.

La sua storia, insieme a storie di altri grandi sportivi, intervallate da alcune frasi motivazionali che lo hanno aiutato durante il periodo di cure, è riportata in un libro “Goals 98 storie + 1 per affrontare le sfide più difficili”.

L’ex campione della Juventus, in vista della presentazione del suo libro, è stato intervistato da Il Corriere della Sera e ha raccontato del suo ultimo turbolento anno.

“Ne avrei fatto volentieri a meno, di parlarne – apre l’ex campione – ma non è stato possibile. E allora l’ho considerata semplicemente una fase della mia vita che andava vissuta con coraggio e dalla quale imparare qualcosa”.

Nel suo libro Gianluca Vialli riporta tutte le fatiche di un anno trascorso tra gli affetti più cari, rivelando anche la grande difficoltà a rapportarsi con persone con cui non c’era una conoscenza approfondita.

“Giravo con un maglione sotto la camicia, perché gli altri non si accorgessero di nulla, per essere ancora il Vialli che conoscevano. Poi ho deciso di raccontare la mia storia e metterla nel libro”.

Grazie alle cure, ora attraversa un periodo più sereno.

“Ora sto bene, anzi molto bene. È passato un anno e sono tornato ad avere un fisico bestiale. Ma non ho ancora la certezza di come finirà la partita. Spero che la mia storia – chiude Gianluca Vialli – possa servire a ispirare le persone che si trovano all’incrocio determinante della vita”.

Un esempio, non solo per i giovani calciatori che avranno la possibilità di leggere della vita di un grande campione, ma anche per tutte le persone che si ritrovano ad affrontare il suo stesso travagliato percorso.

Fonte: gazzetta.it